Sabato 16 giugno: Assemblea cittadina sul bilancio e le politiche del Comune di Milano, per la costituzione di una commissione indipendente di audit del debito

 

MILANO
NON DEVE PIEGARSI
AL RICATTO
DEL DEBITO!

Le Giunte Albertini/Moratti ci hanno lasciato un debito consolidato di 4 miliardi più un “buco” attuale di circa  1 miliardo di euro, un debito che non deve essere pagato dai cittadini ma da chi l’ha creato.
La giunta Pisapia, invece, per pagare gli interessi alle banche e far fronte al deficit di bilancio per il 2012, prevede di svendere  aziende e proprietà pubbliche, promettendo di garantire i servizi, mentre non ci sono veri programmi di welfare metropolitano.
Un bilancio che sa poco di “alternativo” e che accetta il patto di stabilità del governo Monti.
Il nostro presente e il nostro futuro non devono sottostare a un debito, nazionale o locale che sia, di cui non siamo responsabili.

Di fronte a un debito locale che ha continuato a crescere e che viene scaricato sulle spalle delle/dei cittadine/i, avanziamo la proposta di una Commissione AUDIT di cittadine/i, cioè un’indagine dei conti del debito e del bilancio, partecipata e con l’aiuto di esperti indipendenti: come si è creato il debito? E’ stato contratto nell’interesse della collettività, oppure può essere considerato in parte come illegittimo e da ripudiare?
Vogliamo che le/i cittadine/i possano decidere, come loro diritto, sulle politiche sociali e sui progetti per la nostra città, anche per concretizzare quel desiderio di cambiamento e di partecipazione che ha permesso il cambio di giunta.

Per un audit/inchiesta cittadina sul debito comunale, per la partecipazione dei cittadini e delle cittadine alla programmazione delle politiche sociali e dei progetti per la nostra città :

ASSEMBLEA CITTADINA

SABATO 16 GIUGNO – ORE 14.30/18.30

AULA MAGNA LICEO MANZONI – VIA G. DELEDDA 11- MILANO/fermata MM Loreto

RELAZIONI INTRODUTTIVE DI:

Andrea Fumagalli (la crisi e il sistema del debito)

Alessandro Santoro (struttura dell’imposizione fiscale nell’area metropolitana)

Nando Ioppolo (analisi e lettura critica del bilancio previsionale 2012 del Comune di Milano)

Intervento in video di Guido Viale

Intervengono realtà politiche e soggetti sociali dell’area metropolitana

evento facebook
http://www.facebook.com/events/347220828680606/

 

Posted in General | Leave a comment

Il Bilancio Comunale e la logica dei “sacrifici”

Il Bilancio Comunale e la logica dei “sacrifici”, di Nando Ioppolo

Il bilancio del comune di Milano presenta “buchi”, sia pregressi che per le partite correnti, che sono talmente vasti da rendere irrealistico parlare di risanamento: 948.000.000 (1.048.000.000, calcolando 100 mln in meno di IMU rispetto alla ICI, v. appresso) su 4.984.667530 totali non si possono recuperare semplicemente risparmiando qua e là o vendendo pezzi di patrimonio comunale, che oltretutto danno reddito, quali immobili e partecipate. Anche perché non si vede come potere poi affrontare gli anni futuri, dal momento che la presumibile progressione dell’indebitamento viaggia tra i 300 e i 500 mln annui, cui dobbiamo aggiungere gli ulteriori tagli che dovrebbero essere varati per l’effetto combinato del patto di stabilità con il fiscal compact.

Continue reading

Posted in debito | Leave a comment

Il Comitato metropolitano per l’Audit del Debito

Audit sul debito, in Europa si fa così

di Salvatore Cannavò – IL MANIFESTO del 05 GENNAIO 2012

In Francia l’appello ha superato le 50 mila adesioni, in Belgio le associazioni Attac e Cadtm hanno fatto ricorso al Consiglio di Stato contro i 54 miliardi per salvare la banca Dexia, in Grecia c’è un comitato attivo da un anno. Incontriamoci anche in Italia Articolo dopo articolo, grazie anche all’attenzione che il manifesto sta ponendo, la questione dell’audit sul debito pubblico, cioè l’indagine su come è stato formato il debito, come viene gestito, quali interessi soddisfa e quali bisogni comprime, sta diventando un nodo del dibattito politico. E, forse, può diventare un tema di iniziativa politica, iniziativa democratica soprattutto, legata alla partecipazione e allo sviluppo di un movimento di massa. Sugli aspetti tecnici e anche sulla necessità di mettere al centro la partecipazione democratica, in particolare dal basso e a livello locale, hanno ben scritto Guido Viale e Francesco Gesualdi. Vale la pena rafforzare quelle analisi con uno sguardo più generale perché anche in Europa il tema dell’audit, in funzione di una ristrutturazione, rinegoziazione o annullamento del debito pubblico illegittimo, sta diventando un elemento dell’attività di associazioni, sindacati e partiti. In Francia, ad esempio, l’appello rilanciato in Italia da Rivolta il debito ha già superato le 50 mila adesioni mentre in Belgio, solo pochi giorni fa le associazioni Attac e Cadtm – in prima linea nell’impegno per l’annullamento del debito illegittimo – hanno presentato un ricorso legale al Consiglio di Stato per annullare gli aiuti da 54 miliardi di euro deliberati dal governo transitorio – da oltre un anno – a favore della banca Dexia (già fallita una volta e salvata dallo Stato e ora di nuovo a rischio fallimento). Ma l’attività più interessante è forse quella realizzata in Grecia dove un Comitato è stato insediato circa un anno fa e una vera e propria campagna ha accompagnato le mobilitazioni degli ultimi mesi. Come scrive uno dei fondatori del comitato greco, George Mitralias, la campagna ha contribuito a precisare «le ambizioni e la missione delle campagne per l’audit del debito pubblico» ben sapendo che l’Unione europea «non è l’Ecuador di Rafael Correa», dove l’audit è stato effettuato con successo nel 2007.

È bene non nascondersi questo aspetto, per non peccare di ingenuità o di astrattezza degli

Continue reading

Posted in audit, crisi, debito, General | Commenti disabilitati su Il Comitato metropolitano per l’Audit del Debito